Il D.L. n. 33/2020 consente lo svolgimento delle riunioni purché sia garantito “il rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro” e limita il divieto di assembra­mento ai luoghi pubblici e aperti al pubblico. In particolare sulle riunioni anche nella lettura combinata del DPCM 02.03.2021 (art. 13 comma 3) e della Circolare del Ministero dell’Interno del 20.10.2020 è rinnovata la possibilità di tenerle in presenza. La valutazione, legata al contesto territoriale e al relativo scenario di rischio, è lasciata ai singoli livelli. 

Nel rispetto di tali prescrizioni invitiamo le Comunità capi a svolgere attività con i ragazzi e le stesse Comunità capi ad incontrarsi in presenza laddove le condizioni lo consentano e tenendo in considerazione le indicazioni sopra riportate relative alle aree di appartenenza. 

Raccomandiamo l’utilizzo di spazi all’aperto che rappresentano senza dubbio alcuno, luoghi dove c’è minor probabilità di contagio.

Ogni decisione sulle modalità di svolgimento delle attività spetta all’intera Comunità capi, con la quale ciascuno staff condividerà le concrete proposte operative di svolgimento.