Considerando che

 che il Consiglio generale 2010 ha ritenuto necessario portare a compimento un passaggio del percorso relativo allo status del socio adulto avviato dall’associazione a partire dal 2007

 

 che la tematica oggetto della discussione attiene esclusivamente alla definizione di servizio svolto dai soci adulti in Associazione, senza che in alcun modo questo dibattito e le conseguenti decisioni abbiano delle ripercussioni in tema di partecipazione alla vita democratica della Associazione (diritto di partecipazione, diritto di voto, ecc..)

 

 che si ritiene assolutamente importante questa riflessione, perché si tratta di ragionare su uno degli aspetti fondanti della nostra Associazione quale è il servizio e le modalità con cui lo stesso trova esplicitazione,

approva le seguenti linee guida sul socio adulto in Agesci Punto 1

Si delineano due ambiti di servizio:

 il servizio educativo rivolto ai ragazzi nelle unità, attività fondante e prioritaria della nostra Associazione

 ogni altro servizio a supporto dell’attività educativa.

 

Punto 2

Sono individuate le seguenti tipologie di servizio:

Capi e soci adulti in servizio

a. Servizio rivolto direttamente ai ragazzi, svolto da Capi e soci adulti nelle unità di un gruppo: è la funzione fondamentale dell’Associazione che sta alla base di ogni sua espressione (art. 1 Statuto e Patto Associativo)

b. Servizio nelle strutture previste dallo statuto: è quello svolto da Capi (e, in via transitoria, ai sensi dell’art. 12 del Regolamento, da soci adulti che assumono il ruolo di Capo gruppo) che ricoprono incarichi elettivi o di nomina nelle strutture dei livelli associativi (Gruppo, Zona, Regione, nazionale)

c. Servizio di formatore: è quello svolto da Capi, nominati capi campo e assistant (come da profilo del formatore), di eventi formativi per soci adulti e Capi previsti dal Regolamento.

d. Servizio di supporto all’azione educativa: è quello svolto da capi campo, debitamente nominati dal Comitato nazionale e dai Comitati regionali, di eventi educativi inseriti in un percorso di crescita personale per soci giovani (sono i capi campo degli eventi per ragazzi quali campi di competenza, specialità, ROSS, etc.).

e. Servizio di supporto al Gruppo: è quello svolto, coerentemente con il Progetto educativo da Capi e soci adulti che stanno completando l’iter formativo a sostegno del gruppo. Non è riconducibile ad una unica categoria e non si svolge necessariamente all’interno dell’Associazione. Sono censiti in Co.Ca. e svolgono una attività continuativa nel gruppo vivendo la vita della Comunità capi ed essendo inseriti in ruoli previsti dal progetto educativo.

f. Servizio di supporto alla Zona, alla Regione e al nazionale:

è quello svolto da Capi e soci adulti che stanno completando l’iter formativo a sostegno e supporto delle strutture e di chi ne fa parte (vedi ad es. art. 29, 38 e 51 dello Statuto). Non è riconducibile ad una unica categoria e non si svolge necessariamente all’interno dell’Associazione. Sono censiti rispettivamente presso i comitati di Zona, Regione e nazionale e sono inseriti nei ruoli previsti dal progetto del relativo livello o ambito associativo di riferimento.

 

Punto 3

Capi temporaneamente non in servizio

Capi temporaneamente non in servizio: sono Capi temporaneamente impossibilitati a svolgere un servizio (come sopra descritto) per motivi diversi (famiglia, lavoro, studio, ecc).

Potranno censirsi ai vari livelli associativi (zona e regione) per un tempo massimo di due anni.