Coronavirus, chiamati alla responsabilità